Con l’ ordinanza n.2979 del 07/02/2020, la Corte di Cassazione ha affermato il principio secondo cui “un prodotto non può ritenersi nuovo se, attuando un procedimento tecnico già noto alla tecnica, si ottenga lo stesso prodotto oggetto del brevetto stesso”.

Così la Corte di Cassazione si è pronunciata a seguito del ricorso proposto dalla società Imerys Talc Luzenac France S.a.s. avverso la sentenza d’appello che aveva respinto l’impugnativa presentata dal ricorrente contro la decisione in primo grado di invalidità del brevetto stante la assenza dei requisiti di legge.

Il Codice di Proprietà Industriale, cosi come la Convenzione sul Brevetto Europeo, prevedono, tra i requisiti di brevettabilità oltre la industriabilità, la novità e la attività inventiva, disponendo in particolare che un’invenzione «è considerata nuova se non è compresa nello stato della tecnica», con ciò intendendosi  «ciò che è stato reso accessibile al pubblico nel territorio dello Stato o all’estero prima della data del deposito della domanda di brevetto, mediante una descrizione scritta od orale, una utilizzazione o un qualsiasi altro mezzo”,  salva comunque la brevettabilità di una sostanza o di una composizione di sostanze già compresa nello stato della tecnica, purché in funzione di una nuova utilizzazione.

Quanto all’orientamento che esclude il criterio della c.d. descrizione implicita o inerenza, richiamato dalla ricorrente  la Cassazione ha ritenuto che nel caso in esame non sussistesse alcuna descrizione implicita, avendo accertato con l’ausilio di apposita CTU e prove sperimentali che – nel caso di specie – difettasse il requisito della novità, non potendo essere oggetto di brevetto “la polvere di talco, caolico o mica” per avere le medesime  caratteristiche del prodotto ottenuto secondo le nozioni già accessibili, prese da un procedimento già noto, sulla base di un documento anteriore quale il rapporto Michot.

Con questa pronunzia si ribadisce, dunque, la nullità di un brevetto per invenzione laddove manchi un requisito essenziale, quale quello della novità.

Chiama ora!

Lo Studio ha istituito un numero verde gratuito nazionale  per le aziende ed i professionisti che hanno intenzione di avvalersi  dei nostri servizi su tutto il territorio nazionale:

 

Compila il Form

nel modo più dettagliato possibile

Sarai ricontattato al più presto